lunedì 5 giugno 2017

Benvenuti a Cervellopoli, di Matteo Farinella, Editoriale Scienza


Se volete fare un breve e piacevole ripasso sul cervello - con gli ultimi aggiornamenti del caso - o volete introdurre i più piccoli a questo tema, "Benvenuti a Cervellopoli" (qui) di Matteo Farinella, pubblicato da Editoriale Scienza, è il libro che fa per voi. L'autore, oltre ad avere un dottorato sul tema delle neuroscienze e continuare a studiare questa meravigliosa e complicata macchina qual è il cervello, è anche appassionato di fumetti, tanto che è riuscito a coniugare queste due passioni per avvicinare un vasto pubblico a un tema così affascinante. In effetti riesce a catturare l'attenzione dei bambini (anche sotto i 9 anni consigliati, io l'ho letto e riletto ai miei figli di 6 e quasi 10 anni).

Come? Sarà per le immagini accattivanti, sarà per i testi al tempo stesso sintetici e curiosi, sarà per la storia che permea il libro e che è l'espediente narrativo che fa da filo conduttore alle spiegazioni... insomma, tanti piccoli importanti ingredienti dosati con la giusta sapienza ne fanno una ricetta "miracolosa" che incuriosisce e fa venire voglia di leggere e rileggere questo libro. Certo, a seconda dell'età, quello che rimane sarà sicuramente diverso, ma come si dice "chi inizia è già a metà dell'opera" e non è detto che questo libro non possa essere ripreso in mano diverse volte.


Protagonista è Ramon, una giovane cellula nervosa che vuole capire cosa fare da grande e, sotto lo sguardo attento del maestro Camillo, va a esplorare tutti i possibili posti dove potrebbe lavorare, ovvero fa un giro a Cervellopoli (di fatto si muove dentro nel sistema nervoso di una bambina).
Dopo essere andato a visitare il centralino del cervello (il talamo),


si muove verso la corteccia sensoriale dove viene a sapere - e noi con lui - che ci sono parti più sensibili del corpo, come orecchi, mani o labbra tanto che il disegno del corpo seguendo queste indicazioni risulta davvero buffo (ma anche di immediata comprensione).

Insieme a Ramon seguiamo con interesse cosa succede quando per esempio una bambina viene punta da un animale pericoloso - quale uno scorpione - e con lui andiamo in giro per scoprire anche che le emozioni vengono memorizzate nell'ippocampo, che si occupa di registrare i ricordi. Fino ad arrivare a un'area davvero interessante, qual è la corteccia frontale, l'area più "moderna" del cervello, che ci consente di immaginare e provare sentimenti importanti quali, per esempio, l'empatia o l'altruismo. Questi sono due elementi davvero importanti, su cui occorre puntare sin da piccoli per pensare di costruire giovani menti preparate sia sul piano della conoscenza sia sul piano umano.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi sia utile condividilo con i tuoi amici. Grazie!